Cefalea indotta da farmaci

Cefalea indotta da farmaci: cause, terapia e cura

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)
Loading...

La cefalea indotta dai farmaci, è una causa di mal di testa frequente o giornaliero. E’ causata dall’assunzione di antidolorifici o farmaci triptani per il mal di testa o l’emicrania. Il trattamento è volto a fermare l’assunzione degli antidolorifici o dei triptani. Questo è fondamentale per curare il problema. Dopo l’arresto di questi farmaci, si rischia di avere mal di testa o emicranie peggiori e più frequenti per una settimana o poco più. Tuttavia, la frequenza del mal di testa o delle emicranie dovrebbe poi gradualmente tornare ad un modello normale.

Cos’è la cefalea indotta dai farmaci?

La cefalea indotta è causata dall’assunzione degli antidolorifici o dei farmaci triptani per curare mal di testa o emicranie. A volte viene chiamata cefalea da abuso di farmaci. È una causa comune di mal di testa che si verifica ogni giorno o quasi tutti i giorni.

La cefalea indotta da farmaci, è la terza causa più comune di mal di testa dopo l’emicrania e dopo la cefalea di tipo tensivo. Circa 1 persona su 50, sviluppa questo problema in qualche momento della loro vita. Essa può verificarsi a qualsiasi età, ma è più comune nelle persone intorno ai 30 e ai 40 anni. E’ più comune nelle donne piuttosto che negli uomini.

Il seguente è un caso tipico.

Si può avere un brutto periodo di mal di testa o emicrania, forse durante un periodo di stress. Si prendono quindi gli antidolorifici o i farmaci triptani in dosi maggiori rispetto al solito. Si continua a fare questo per un po’ di tempo e quindi, il vostro corpo si abituerà a questi farmaci. Un ritorno della cefalea si sviluppa se non si prende più un antidolorifico o un farmaco triptano entro un giorno o poco più dall’ultima dose. Penserete che avete avete avuto solo un altro attacco di mal di testa o emicrania ecco perchè prenderete una ulteriore dose di antidolorifico o triptano. Quando l’effetto di ciascuna dose non dà più gli effetti desiderati, un ulteriore ritorno della cefalea si sviluppa, e così via.

Si crea quindi un circolo vizioso. Nel tempo, si può avere mal di testa o emicrania quasi tutti i giorni o addirittura ogni giorno. Quindi si finisce per prendere gli antidolorifici o i triptani ogni giorno. Alcune persone iniziano a prendere questi farmaci regolarmente ogni giorno per cercare di prevenire il mal di testa o gli attacchi di emicrania. Questo non fa che peggiorare le cose.

I mal di testa e le emicranie indotte dai farmaci, sono spesso descritte come condizione oppressive che tendono a peggiorare al mattino o dopo l’esercizio fisico.

Tutti gli antidolorifici comunemente utilizzati per il trattamento del mal di testa o dell’emicrania, possono causare questo problema. Questi includono:

  • Codeine e-codeina, contenenti combinazioni come co-codamol. Questo farmaco è probabilmente il maggior responsabile.
  • Paracetamolo, soprattutto se combinato con la codeina (per esempio, co-codamol).
  • Antidolorifici anti-infiammatori, come l’aspirina , ibuprofene, naproxene , diclofenac, ecc
  • Triptani utilizzati per gli attacchi di emicrania, quali almotriptan , eletriptan , naratriptan ,rizatriptan , sumatriptan e zolmitriptan. (In senso stretto, i triptani non sono classificati come antidolorifici. Lavorano in modo diverso. Tuttavia, possono causare la cefalea indotta.)
  • Ergotamina (anche se questo farmaco è ora utilizzato raramente).

La quantità e la frequenza di utilizzo dei farmaci necessari per causare la cefalea, non sono chiare. Esse variano tra diverse persone. Altri antidolorifici, come gli oppiacei o i triptani, possono causare questo problema se presi per una media di 10 o più giorni al mese. Tuttavia, si può sviluppare anche in alcune persone che prendono meno spesso questi farmaci. Questo è il motivo per cui si consiglia di non prendere antidolorifici o triptani per il mal di testa o l’emicrania, per più di un paio di giorni alla volta. Inoltre, in media, non si dovrebbe prenderli per più di due giorni alla settimana.

La cefalea indotta da farmaci, ha meno probabilità di svilupparsi se si prendono antidolorifici regolarmente per altre condizioni, come ad esempio l’artrite. Di solito si verifica solo se si prendono gli antidolorifici o triptani per curare il mal di testa o l’emicrania. Non è chiaro perché sia ​​così. La cefalea potrebbe verificarsi perché le persone che sono già soggette a frequenti attacchi di emicrania o mal di testa, sono le stesse persone che sono più inclini ad ottenere la cefalea indotta.

La parte più importante del trattamento è quello di riconoscere e capire la causa del mal di testa. È quindi possibile elaborare un piano per interrompere il corso degli antidolorifici. E’ meglio pianificare l’interruzione totale del farmaco, piuttosto che cercare di ridurlo gradualmente. Si consiglia di interrompere l’assunzione per almeno un mese.

È necessario fermare le dosi degli antidolorifici o dei triptani completamente per un po’ di tempo per curare il problema. Non prendete un antidolorifico a meno che non sia consigliato da un medico.

Quando si smette di prendere gli antidolorifici o i triptani, i mal di testa o gli attacchi di emicrania possono peggiorare. Alcune persone si sentono male, diventano ansiose o dormono male, per un paio di giorni dopo che hanno interrotto la somminstrazione di questi farmaci. Questi effetti sono chiamati “Sintomi di astinenza”. Dovrete tollerare i mal di testa o gli attacchi di emicrania e gli altri sintomi da astinenza, se si sviluppano.

I vostri mal di testa o emicranie, dovrebbero poi gradualmente tornare a un modello normale. Questo richiede spesso 7-10 giorni di tempo. Tuttavia, in alcune persone possono servire un paio di settimane (a volte fino a 12 settimane) perchè i sintomi dell’astinenza scompaiano completamente e perchè il mal di testa o gli attacchi di emicrania tornino al loro modello normale.

Se un antidolorifico antinfiammatorio non è la causa del mal di testa, il medico quindi, potrebbe consigliarvi un breve corso di questo farmaco. Questo può alleviare il mal di testa dopo aver fermato l’antidolorifico colpevole di causare la vostra cefalea. Questo può sembrare illogico, ma gli antidolorifici anti-infiammatori fanno parte di una diversa classe di farmaci. Quindi, possono essere un’opzione per il trattamento di questa condizione in alcuni casi, se il vostro corpo non è abituato agli anti-infiammatori antidolorifici.)

Il medico può anche prescrivere un farmaco anti-nausea, se la nausea si sviluppa come uno dei sintomi di astinenza.

È possibile riniziare ad usare gli antidolorifici o i farmaci triptani, come richiesto quando il mal di testa o gli attacchi di emicrania ritornano alla normalità. Per evitare il ripetersi dei casi di cefalea indotta:

  • Se si ottiene un mal di testa o un attacco di emicrania, si possono prendere due o tre dosi al giorno di antidolorifici o triptani. Tuttavia, non si devono prendere gli antidolorifici o i triptani per più di due giorni alla settimana.
  • Considerate l’utilizzo preventivo di un trattamento (profilassi) per fermare il mal di testa.
  • Codeine e compresse contenenti codeina, come co-codamol, dovrebbero essere evitate del tutto. Esse danno più probabilità di causare cefalea indotta da farmaci.

Consultate un medico se i frequenti mal di testa non scompaiono o se tornano di nuovo in futuro.

Bibliografia

  • Diagnosis and Management of Migraine, Tension-Type, Cluster and Medication-Overuse Headache; British Association for the Study of Headache (BASH) Guidelines, (2010)
  • Headache – medication overuse; NICE CKS, August 2009
  • Headaches: diagnosis and management of headaches in young people and adults; NICE Clinical Guideline (September 2012)