Problemi dell’allattamento: sintomi, cura, cause, terapia, diagnosi e prevenzione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)

Loading...

I problemi dell’allattamento sono una varietà di difficoltà fisiche, comportamentali ed emozionali dovute all’allattamento del bambino.

Descrizione dei problemi dell’allattamento

L’allattamento al seno è la pratica di nutrizione per un neonato con il latte tratto dal seno umano. I bambini hanno un istinto naturale per il latte e l’allattamento viene naturale alla maggior parte delle donne dopo che il bambino lascia il grembo materno. Dopo la consegna, i livelli della prolattina, l’ormone che innesca ilprodotto lattiero-caseario, cominciano ad aumentare nel corpo.

In un primo momento, i bambini si nutrono con un nutriente ricco di sostanza nota come colostro, che è prodotta dal seno prima che esso regoli la produzione di latte. Le madri sperimenteranno un ingorgo nei giorni successivi alla nascita dei loro bambini, quando il latte materno arriva al seno. Dopo questo periodo, le poppate regolari e le tecniche di allattamento al seno adeguate solitamente garantiscono una fornitura di latte sana per la maggior parte dei bambini fino a quando è il momento di svezzarli.

Tuttavia, l’allattamento al seno può essere un processo complesso e, a volte c’è un problema con la tecnica di suzione del bambino, il latte materno fornito o altri fattori.

Sintomi dei problemi dell’allattamento

Un aumento insufficiente di peso e difetti della crescita nei bambini allattati al seno sono i segni più evidenti che vi sono stati problemi dell’allattamento.

Cause dei problemi dell’allattamento

Molti fattori possono interferire con l’allattamento al seno.
Questi includono:

  •  Problemi di approvvigionamento del latte. Una varietà di fattori possono causare un inadeguato apporto alle nuove madri. La produzione di latte è in gran parte un processo di domanda e offerta. Se il bambino non mangiare a sufficienza ad ogni poppata, la produzione di latte si regola e diminuisce di conseguenza.
  •  Alcuni bambini, in particolare nati prematuramente , hanno difficoltà nell’allattamento. Questo può essere dovuto a causa di un’anomalia della bocca o semplicemente per una mancanza di coordinamento dei muscoli della mandibola. Inoltre, la madre non può mettere il seno in bocca al correttamente.
  •  Pianificazione dei problemi. I bambini molto piccoli devono essere allattati molto spesso, circa ogni 2 o 3 ore durante il primo mese di vita. Come il bambino cresce lui o lei mangiano di più ad ogni poppata. I neonati non dovrebbero pause tra le poppate più lunghe di 4 ore, anche durante la notte. La pianificazione può diventare un problema per le donne che lavorano fuori casa, in quanto spesso trovano che il loro flusso del latte diminuisce dopo il ritorno dal lavoro.
  •  Problemi al capezzolo e al seno. I neonati possono avere difficoltà legate ai capezzoli o ai seni. Altri problemi strutturali, come insufficiente tessuto ghiandolare, possono portare a una riduzione della produzione di latte. Inoltre, il dolore ai capezzoli e al seno e le infezione (mastite) possono creare dolori.
  •  Ritenzione della placenta. Se il latte di una donna non si è creato e lei continua ad avere un sanguinamento anomalo dopo il parto, vi possono essere pezzi di ritegno della placenta nel suo utero.
  •  Lo stress e la fatica. Le neo mamme hanno bisogno di riposo adeguato per produrre un adeguato apporto di latte. La capacità per rilassarsi è anche fondamentale per l’allattamento al seno. Le donne che sono stressate possono avere difficoltà nella produzione di latte.
  •  Problemi psicologici. Alcune donne non sono in grado di allattare a causa di preconcetti sulla pratica o le idee inculcate dai genitori e coetanei, i quali hanno creato una barriera psicologica . Molte donne in periodo di allattamento si sentono in disagio quando sono in pubblico e questo può far cessare la pratica, perché non vogliono essere osservati da altri quando alimentano i loro bambini, anche di fronte ad amici e familiari.

Diagnosi dei problemi dell’allattamento

I problemi dell’allattamento al seno sono di solito sospettati quando un bambino non sta aumentando di peso come previsto. Molti bambini perdono peso nei primi giorni di vita. Tuttavia, essi dovrebbero recuperare il peso rapidamente e tornare al loro peso della nascita dopo le due settimane di età. Un aumento di peso medio di 6-8 once per settimana dovrebbe essere mantenuto attraverso il secondo o terzo mese.

Il mancato aumento di peso può essere un segno di molti problemi, per un neonato, alcuni dei quali potrebbero essere molto gravi. Il pediatra del bambino può fare una varietà di test e prendere una storia completa del bambino compresa la frequenza dell’alimentazione e altri fattori. Le prove e la storia possono aiutare il pediatra a determinare se vi è un problema con l’allattamento al seno per la mancanza dell’aumento di peso. Una volta che il problema dell’allattamento al seno è stato individuato, un medico indagherà sul programma di alimentazione del bambino e osserverà la madre su come allatta per determinare se ci sia un improprio blocco-sulla tecnica o una suzione inadeguata.
Ulteriori esami fisici e test possono essere necessari per determinare se vi siano problemi al seno o se i frammenti placentari siano la radice del problema.

Terapia e cura dei problemi dell’allattamento

Il corretto trattamento per le difficoltà di allattamento dipende dalla causa del problema.

Produzione di latte insufficiente

La produzione di latte può essere potenziata in diversi modi. Il modo più semplice per la madre è quello di incoraggiare più poppate al seno. Se questo non è un metodo pratico o il bambino non collabora, la produzione di latte spesso può essere aumentata attraverso l’uso intermittente di un seno pompa, un dispositivo che estrae il latte dal seno. Le pompe del seno sono disponibili con modelli manuali ed elettrici e possono essere acquistati o noleggiati. Il latte materno può essere imbottigliato o congelato e dato al bambino con il biberon in un secondo momento, anche se la produzione di latte è un problema, la madre probabilmente vorrà alimentare il bambino al seno in ogni occasione.

Il cardo mariano, Silybum marianum, a volte è prescritto per promuovere una maggiore secrezione di latte materno. Anche se l’erba è considerata sicura per le madri che allattano, dovrebbe essere acquisita da una fonte affidabile e prescritta da un erborista, medico naturopata o dal medico di famiglia. I neonati hanno bisogno delle sostanze nutritive e dei grassi del secondo latte, ma devono passare attraverso il primo latte per raggiungerli.

Questo può essere favorito dalla madre svuotando un seno, prima di far iniziare al bambino, il secondo. Se il bambino non svuota completamente il primo seno, il lavoro può essere completato con l’aiuto di un tiralatte.

Problemi di contatto al seno

Per garantire un allattamento corretto, la madre dovrebbe incoraggiare il bambino ad attaccarsi al capezzolo, con le labbra sul perimetro esterno dell’areola, prima di iniziare a succhiare. La madre dovrà guidare il seno nella bocca del bambino e riposizionarlo se necessario. Se il bambino ha un problema strutturale della bocca, ad esempio una palatoschisi, un seno pompa può essere necessario per mantenere la produzione di latte. In alcuni casi in cui il problema non migliora, l’alimentazione con un sistema supplementare può essere migliorata.

Il sistema consiste di un biberon contenente il latte della madre e una pompa con dei tubi, i quali favoriscono il passaggio del latte dai capezzoli al biberon. Il latte scorre facilmente con la suzione seppur debole del bambino. Sia il bambino che la madre possono stare vicini, mentre un adeguato flusso di latte alimenta il bambino.

Pianificazione dei problemi

I neonati a volte, durante la notte non ricevono un’alimentazione adeguata. In teoria non dovrebbero restare senza alimentazione per più di quettro ore e dovrebbero essere svegliati per assicurare la corretta alimentazione. Le donne che hanno ripreso il lavoro potrebbero utilizzare un seno pompa portatile almeno una volta durante la giornata di lavoro per incoraggiare il flusso continuo del latte e conservarlo per i loro bambini.

Problemi ai capezzoli e del seno

La vitamina E applicata regolarmente può può lenire il dolore e aiutare la guarigione delle ragadi. Le donne che pensano di avere un’ infezione al seno dovrebbero visitare il medico immediatamente, poiché probabilmente sarà richiesto un corso di antibiotici. Le donne con capezzoli invertiti potrebbero scoprire che il bambino ha difficoltà con la suzione.
I capezzoli introflessi di solito non precludono l’allattamento al seno, ma possono richiedere più tempo e perchè il bambino impari a mangiare efficacemente.
Un consulente per l’allattamento può aiutare la donna a trovare una tecnica che funzioni per lei e per il suo bambino.

Ritenzione della placenta

La chirurgia minore nota come una dilatazione e raschiamento (D e C) di solito è necessaria per rimuovere i pezzi di placenta che sono trattenuti da parte dell’utero. Una volta che la placenta è stata rimossa, i livelli della prolattina stimolando la produzione di latte.

Stress e fatica

Esercizi di rilassamento, yoga, meditazione, massaggi e aromaterapia possono essere strumenti utili per alleviare lo stress. Le donne dovrebbero creare un ambiente tranquillo e rilassante per l’allattamento. GLi impacchi caldi al seno possono anche aiutare. Se è fattibile, riposare quando il bambino sta dormendo può aiutare ad alleviare la fatica causata dalle poppate notturne.

Problemi psicologici

Il sostegno familiare e degli amici è necessario per ogni nuova madre. Se non esiste una rete di sostegno familiare, le donne possono chiedere aiuto ai gruppi di madri che praticano l’allattamento. Molti ospedali offrono alle madri ed ai loro coniugi delle lezioni sulle tecniche di allattamento al seno e sulla cura dei problemi. Le donne che hanno sentimenti negativi sull’allattamento al seno possono trovare utili sostegni per superare questi problemi.

Risultati attesi

Nella maggior parte dei casi, il trattamento per problemi dell’allattamento hanno successo, la madre e il bambino staranno bene. Altre donne possono essere in grado di allattare al seno in quantità limitate, ma richiedono di integrare la dieta dei loro figli con formule per garantire il corretto aumento di peso e una nutrizione adeguata. Per una piccola percentuale di donne, problemi fisici o psicologici possono impedire il successo dell’allattamento.

Prevenzione dei problemi dell’allattamento

Il modo migliore per una nuova madre di evitare problemi è quello di prendersi cura di se stessa, dal mangiare in modo corretto, bere molti liquidi, riposare e rilassarsi.
E ‘importante, perché l’allattamento al seno può incidere sulla riduzione del rischio di alcuni tumori femminili ed eventualmente, con il miglioramento della salute delle ossa nel corso della vita.

Risorse

LIBRI
Lauwers, Judith. Quick Reference for the Lactation Professional. Sudbury, MA: Jones & Bartlett Publishers, 2009.
Lauwers, Judith, and Anna Swisher. Counseling the Nursing Mother: A Lactations Consultant’s Guide, 5th ed. Sudbury, MA: Jones & Bartlett Learning, 2011.
Walker, Marsha. The Nipple in Breastfeeding and Lactation. Amarillo, TX: Hale, 2010.
PERIODICI
Hegney, Desley, et al. ‘‘Against All Odds: A Retrospective Case-Controlled Study of Women Who Experienced Extraordinary Breastfeeding Problems.’’ Journal of Clinical Nursing, (May 2008) 17(9), 1182–92.
Otsuka, Keiko et al. ‘‘The Relationship Between Breastfeeding Self-Efficacy and Perceived Insufficient Milk Amount Japanese Mothers.’’ Journal of Obstetric,
Gynecologic, and Neonatal Nursing, (September-October 2008) 37(5), 546–55 .
Thulier, Diane and Judith Mercer. ‘‘Variables Associated with Breastfeeding Duration.’’ Journal of Obstetric.
ORGANIZZAZIONI
International Board of Lactation Consultant Examiners, www.iblce.org.
La Leche League International, http://www.llli.org.