Colposcopia

Colposcopia: scopi, preparazione, procedura, rischi e complicazioni

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)
Loading...

La colposcopia è una procedura effettuata dopo alcuni test per lo screening cervicale. Si tratta di un esame dettagliato del collo dell’utero (cervice), per il quale si utilizza un microscopio speciale chiamato “Colposcopio”. Esso permette al medico o all’infermiere specializzato, di vedere l’estensione delle cellule anormali e il grado di cambiamento in tali cellule. Il trattamento delle cellule anormali (se necessario), può essere effettuato a con la colposcopia.

La colposcopia è un esame dettagliato del collo dell’utero (cervice). Di solito è effettuata in una clinica da un medico o da un infermiere specialista, il quale ha la formazione ed esperienza specifica per questa tecnica. Il medico o l’infermiere utilizzerà uno speciale microscopio, chiamato colposcopio, per osservare le cellule della cervice .

Un liquido particolare viene cosparso sulla cervice per mettere in evidenza le eventuali cellule anomale. Durante la colposcopia un piccolo pezzo di tessuto viene prelevato dalla cervice. Il tessuto viene poi esaminato in dettaglio ancora più da vicino in laboratorio, per consentire un’ulteriore valutazione delle vostre cellule. Il trattamento per eventuali cellule anomale a volte può essere somministrato in concomitanza con l’esame della colposcopia.

Un test di screening cervicale è offerto regolarmente a tutte le donne per prevenire  il cancro del collo dell’utero (carcinoma cervicale). Il test di screening cervicale è in cerca di cambiamenti precoci (o anomalie) nelle cellule cervicali, che, se non trattate, potrebbero portare allo sviluppo del cancro in futuro.

Circa un test di screening cervicale su venti è anormale. I cambiamenti anomali sono conosciuti come “Discariosi”. Nella grande maggioranza dei casi, un risultato anormale non significa che siete colpiti dal cancro cervicale. Tuttavia, la presenza della displasia, indica che il cancro può svilupparsi in un certo momento in futuro (spesso a molti anni di distanza).

Un test di screening cervicale indica che sono presenti cellule anormali, ma non mostra in dettaglio tali cellule. La colposcopia permette di studiare più attentamente queste cellule anormali, nonchè tenerle sotto controllo.

Durante la colposcopia, viene mostrata l’estensione della zona in cui sono presenti le cellule anormali. Questo viene fatto applicando un liquido speciale nel collo dell’utero, il quale colora le cellule anormali. La colposcopia permette anche il prelievo di un campione del tessuto della cervice (biopsia). Questo campione viene poi inviato al laboratorio per ulteriori prove, le quale potranno svelare il tipo esatto di anormalità che colpisce le vostre cellule.

Un test di screening cervicale può essere eseguito più velocemente rispetto alla colposcopia. Lo screening cervicale ha dimostrato di ridurre il numero dei casi di cancro cervicale.

Il motivo per cui si è sottoposti ad una colposcopia, è perchè avete ricevuto risultati anormali dal test di screening della cervice. Questo accade abbastanza comunemente, quindi non dovete allarmarvi troppo. Ricordate che nella maggior parte dei casi, un test di screening cervicale anormale non significa che avete il cancro del collo dell’utero (carcinoma cervicale). E’ raro che il cancro cervicale venga diagnosticato in questo modo.

A volte si può essere deferiti per una colposcopia perché avete avuto un numero di test di screening cervicale inadeguato. Ciò può accadere se c’era troppo sangue o muco presente intorno al collo dell’utero, al momento del test di screening cervicale o perché troppe poche cellule sono state rimosse durante la procedura. A causa di questo, le cellule non potevano essere abbastanza visibili al microscopio.

Potreste essere selezionati per una colposcopia anche se avete ricevuto risultati lievemente anormali da test per il papillomavirus umano (HPV). Questo è un tipo di virus che può essere trasmesso facendo sesso. E’ coinvolto nello sviluppo del cancro cervicale, della maggior parte dei casi. Comunque 9 infezioni da HPV su 10, saranno eliminate completamente dal corpo nel giro di due anni. Ciò significa che la maggior parte delle donne con un’infezione da HPV non sviluppa il cancro.

Raramente, si può essere indirizzati per una colposcopia, perché il medico o l’infermiere che effettua il test di screening cervicale è preoccupato per l’infezione, l’infiammazione o una crescita non-cancerosa (polipo) attorno al collo dell’utero.

Dovreste ricevere informazioni sulla procedura prima del vostro appuntamento. Se c’è qualcosa che non capite è possibile parlarne con il vostro medico di famiglia. Ci sono alcune cose che si dovrebbero sapere prima della colposcopia, le quali possono aiutare a prepararvi al meglio:

  • Alcune cliniche preferiscono non eseguire la colposcopia, mentre una donna sta avendo i periodi mestruali. Questo perché può essere difficile ottenere una buona vista del collo dell’utero (cervice) se c’è sangue in esso. Inoltre, alcune donne possono preferire di non ricevere un esame intimo, mentre hanno i periodi mestruali.
  • Si dovrebbe evitare il sesso e non si dovrebbe indossare un tampone per 24 ore prima della colposcopia.
  • Si consiglia di non utilizzare le creme vaginali o gli ovuli fino a 24 ore prima della colposcopia. Ciò include i lubrificanti, farmaci per il trattamento del mughetto.
  • Alcune persone trovano che la colposcopia, provoca un po’ di disagio. Per questo motivo, si può scegliere di prendere del paracetamolo, circa un’ora prima dell’appuntamento.
  • Si consiglia di indossare un abito comodo come una gonna durante il giorno della colposcopia, in modo che non ci sia bisogno di rimuovere i vestiti.
  • Spesso è una buona idea quella di portare qualcuno con voi, il quale possa accompagnarvi a casa dopo questo esame.

L’intera procedura richiede normalmente circa 15-20 minuti. Può durare più a lungo se si riceve anche un trattamento allo stesso tempo (vedi sotto).

  • Il medico o l’infermiere di solito inizierà a porvi alcune domande. Queste possono includere informazioni sui vostri periodi mestruali, la data del vostro ultimo periodo mestruale, se si usano contraccettivi e la vostra salute generale.
  • Vi verrà chiesto di togliervi i vestiti dalla vita in giù.
  • Vi verrà chiesto di distendervi su una sedia reclinabile o su un divano e di mantenere la stessa posizione che si mantiene per il test di screening cervicale, cioè con le ginocchia piegate e le gambe divaricate. In alcune cliniche le gambe possono essere messe su supporti imbottiti.
  • Uno strumento chiamato “Speculum” (lo stesso strumento che viene utilizzato durante un test di screening cervicale) verrà inserito nella vagina e la aprirà delicatamente, per rendere visibili il collo dell’utero (cervice).
  • Il medico o l’infermiere osserverà attraverso il colposcopio la vostra cervice. Talvolta, il colposcopio può essere collegato ad apparecchiature video in modo che la cervice possa essere vista più chiaramente su uno schermo.
  • Un lungo tampone viene utilizzato per applicare liquidi sulla cervice. Questi liquidi macchiano le cellule anomale che possono essere presenti. Due liquidi diversi sono normalmente utilizzati: acido acetico (aceto) e iodio.
  • Un piccolo campione di tessuto del collo dell’utero può anche essere prelevato. Questo sarà inviato al laboratorio per un ulteriore esame. Se la biopsia deve essere eseguita, allora è previsto l’uso di un anestetico locale per intorpidire la cervice.
  • A volte si suggerisce di ricevere un trattamento alla vostra prima visita (vedi sotto). Tuttavia, spesso, potrebbe essere necessario tornare per il trattamento una volta che i risultati della biopsia sono chiari.
  • Vale la pena portare un assorbente igienico o salvaslip con voi, da usare dopo la colposcopia. E’ improbabile che avrete molto emorragia, ma potreste avere qualche scarico o macchia a causa dallo iodio utilizzato per l’esame.

Dopo la colposcopia, di solito si può tornare al lavoro o tornare alle vostre attività. Si rischia di avere una piccola quantità di sanguinamento, soprattutto se avete avuto una biopsia. Questo può durare per 3-5 giorni e quindi si deve indossare un cerotto sanitario. Non usate gli assorbenti interni. Non dovreste avere rapporti sessuali o usare creme vaginali o ovuli, fino a quando l’emorragia non si sarà fermata. Generalmente dovreste attendere fino a cinque giorni.

Si può notare di avere uno scarico di un fluido scuro. A volte è verde o presenta dei granuli. Questo è normale ed è il liquido che viene collocato sulla cervice durante l’esame.

La colposcopia è generalmente una procedura sicura. Alcune donne trovano che è un po’ scomoda. Raramente, possono verificarsi alcune complicazioni. Queste possono includere pesanti emorragie e infezioni. Se si verificano forti emorragie, perdite vaginali maleodoranti o dolori al basso ventre, si dovrebbe vedere un medico immediatamente.

Quando viene praticata una biopsia, il campione di tessuto prelevato viene inviato al laboratorio per ulteriori esami al microscopio. L’anomalia cellulare è chiamata neoplasia cervicale intra-epiteliale (CIN). C’è una scala da 1 a 3 per la gravità di questa condizione. CIN1, vuol dire che solo poche cellule sono anormali. CIN3, significa che tutte le cellule sono anomale. Raramente, una biopsia può mostrare i cambiamenti nelle vostre cellule che hanno già sviluppato il cancro. Circa il 7 casi su 10 di CIN1, tornano alla normalità senza bisogno di alcun trattamento, ma 1 caso su 10 progredisce a CIN3. Solo 1 caso su 100 di CIN1 diventrà un caso di cancro.

I risultati della colposcopia e quelli derivanti dalla biopsia, mostreranno se avete bisogno di ricevere alcun trattamento. A volte, il medico o l’infermiere può suggerirvi trattamenti alla prima visita per la colposcopia. Tuttavia, possono suggerirvi di attendere i risultati della biopsia prima di iniziare qualsiasi trattamento. Pssono servire un paio di settimane per ricevere i risultati della biopsia.

Non tutti coloro che hanno una colposcopia hanno bisogno di cure. Se il medico o l’infermiere pensa che abbiate solo una lieve anomalia, potrebbe solo suggerirvi di avere un ciclo di colposcopia ogni 6 o 12 mesi. La vostra cervice può tornare alla normalità da sola e potrebbe essere necessario il solo monitoraggio.

Ci sono diversi trattamenti disponibili per la CIN. Lo scopo del trattamento è quello di distruggere o rimuovere tutte le cellule anormale sulla cervice senza influenzare troppo il tessuto normale. La maggior parte dei trattamenti possono essere effettuati in regime ambulatoriale con la colposcopia. Il trattamento può causare un leggero fastidio.

Il trattamento che riceverete dipenderà dalla gravità della vostra anomalia così come da quale tipo di trattamento la clinica dispone e dalla preferenza del medico o infermiere. Le opzioni del trattamento comprendono:

  • Diatermia : un anello di filo sottile e tagliente rimuoverà l’area interessata. Questa tecnica è anche conosciuta come “Anello di escissione della zona di trasformazione”. E’ una forma molto comune di trattamento.
  • Crioterapia : congelamento dell’area interessata della cervice, il quale distrugge le cellule anormali.
  • Il trattamento laser : questo distrugge o taglia via le cellule anormali.
  • Coagulazione a freddo : una fonte di calore viene utilizzata per bruciare e rimuovere le cellule anormali.

Un anestetico locale è di solito dato prima di qualsiasi trattamento, per intorpidire la cervice. Il trattamento è normalmente molto semplice e veloce. C’è un piccolo rischio di sanguinamento al momento del trattamento.

Occasionalmente, il medico o l’infermiere possono suggerirvi di disporre di un cono biopsia (descritto in seguito) o molto raramente, un intervento di isterectomia (asportazione dell’utero e della cervice) come trattamento per la CIN. Se questo è il caso, avrete bisogno di essere ricoverati in ospedale.

Si può avere qualche lieve disagio, dopo il trattamento. Gli antidolorifici come il paracetamolo possono aiutare ad alleviare il dolore.

Si rischia di avere perdite vaginali di sangue. Queste possono durare fino a sei settimane. Si dovrebbero usare gli assorbenti e non i tamponi. Dovreste evitare il sesso e non fare alcun esercizio fisico pesante fino a quando lo scarico di sangue non si è fermato.

Questo dipenderà dai risultati della colposcopia e se avete bisogno di alcun trattamento. Alcune donne possono avere bisogno di visite di controllo dopo l’esame della colposcopia. Altre donne possono solo aver bisogno di visite mediche per lo screening cervicale, di solito dopo circa quattro mesi. Il medico o l’infermiere che effettua la vostra colposcopia, vi consiglierà su cosaavrete bisogno di fare.

Se tutto va bene, alla vostra visita di controllo, vi verranno dati consigli su quando dovreste effettuare il prossimo test di screening cervicale. Di solito è consigliato di avere un test di screening del collo dell’utero ogni anno per un certo numero di anni (spesso 10 anni se aveste la CIN2 o CIN3). Se avete i risultati dei test di screening cervicale che presentano ulteriori anomalie, potrebbe essere necessario ricevere un altra colposcopia.

Il trattamento della CIN è solitamente efficace al quasi 100%. Per la stragrande maggioranza delle donne, è improbabile che la CIN si ripresenti.

Che cosa è una biopsia a cono?

Talvolta, tutte le cellule anormali non possono essere individuate durante la colposcopia, poiché le cellule si spingono fino nel collo dell’utero (cervice). Se questo accade, il medico o l’infermiere di solito suggerisce di effettuare un piccolo intervento chiamato “Biopsia a cono”. Questo è quando un pezzo di tessuto a forma di cono viene rimosso dalla cervice in modo che possa essere esaminato al microscopio in laboratorio.

Di solito sarete ricoverati in ospedale durante la notte. Un anestetico generale vi verrà somministrato

Che cosa succede dopo una biopsia a cono?

Dopo la biopsia a cono, la vostra vagina verrà bendata per aiutare a controllare le emorragie. Alcune donne dovranno avere un catetere per lo scarico di urina, il quale sarà inserito nella vescica al momento dell’operazione. Questo perché la garza, a volte, può premere sulla vescica e impedire lo svuotamento dell’urina. La garza e il catetere saranno rimossi prima che lasciate l’ospedale.

La maggior parte delle donne notano un scarico sanguinante fino a quattro settimane dopo una biopsia a cono. Si consiglia di indossare assorbenti e non i tamponi. Se siete preoccupati per il sanguinamento troppo pesante, se diventa puzzolente o se si sviluppa dolore addominale, dovreste vedere il vostro medico curante.

Dopo la biopsia a cono, dovreste riposare per un paio di giorni. Non dovrete avere rapporti sessuali o fare qualsiasi esercizio fisico pesante per 4 o 6 settimane.

Se tutte le cellule anormali vengono rimosse durante la biopsia a cono e non vi è alcun segno di cancro, di solito non sarà necessario alcun altro trattamento. Tuttavia, sarà necessario disporre di regolari test di screening cervicale per assicurarsi che non si sviluppino altre cellule anormali.

Se siete incinta, dovreste parlare con il medico o l’infermiere prima di ricevere una colposcopia. La colposcopia può, tuttavia, essere fatta in modo sicuro, senza danneggiare la gravidanza. I trattamenti (se necessari) di solito sono ritardati fino a dopo la gravidanza, a meno che l’anomalia non sia molto grave e pericolosa. La colposcopia in gravidanza non influisce sul parto del vostro bambino, né pregiudica la fertilità futura.

Bibliografia

  • Colposcopy and Programme Management: Guidelines for the NHS Cervical Screening Programme; NHS Cancer Screening Programme (2010)
  • Fleury AC, Birsner ML, Fader AN; Management of the abnormal Papanicolaou smear and colposcopy in pregnancy: an evidenced-based review. Minerva Ginecol. 2012 Apr;64(2):137-48.
  • Galaal K, Bryant A, Deane KH, et al; Interventions for reducing anxiety in women undergoing colposcopy. Cochrane Database Syst Rev. 2011 Dec 7;(12):CD006013. doi: 10.1002/14651858.CD006013.pub3.