Deposito del pirofosfato di calcio

Deposito del pirofosfato di calcio: sintomi, cura, cause, terapia, diagnosi e prevenzione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)
Loading...

Il pirofosfato di calcio,  è una sostanza prodotta nelle cartilagini delle articolazioni. Può depositarsi come cristalli sui tessuti articolari. Questo, si chiama deposito del pirofosfato di calcio. Questa condizione può causare una serie di problemi, tra cui la pseudogotta. Questa malattia è quasi identica alla gotta, essa causa dolore e gonfiore in una o più articolazioni. Alcune persone ottengono danni all’articolazione ed hanno l’artrite a lungo termine. Il deposito del pirofosfato di calcio, può non causare sintomi e talvolta è visibile su una radiografia fatta, per una condizione non correlata. Diversamente dalla gotta, non esiste una terapia speciale per la pseudogotta. Il riposo, gli impacchi di ghiaccio e l’uso degli antidolorifici antinfiammatori, sono le principali forme di trattamento.

I cristalli del pirofosfato di calcio, possono depositarsi sulla cartilagine e sui vari altri tessuti, dentro e intorno alle articolazioni. Questo effetto è noto come deposizione. Alcune persone hanno queste deposizione sulle cartilagini, le quali coprono le loro articolazioni. Ciò è noto come condrocalcinosi. Essa può non causare sintomi, ma può essere visibile su una radiografia. Altre persone possono avere dolore e gonfiore identici alla gotta. Questi sintomi fanno parte della pseudogotta.

Perché si formano cristalli del pirofosfato di calcio?

Ci possono essere molte ragioni per cui si formano i cristalli del pirofosfato di calcio, i quali si depositano sui tessuti, dentro e intorno alle articolazioni.

Alcune persone ereditano un gene difettoso che li rende più inclini a sviluppare questa condizione.

Diverse condizioni possono innescare la formazione di questi cristalli, tra cui:

  • Disidratazione.
  • Un attacco di qualsiasi malattia grave.
  • Iperattività delle ghiandole paratiroidi (iperparatiroidismo).
  • L’uso a lungo termine dei farmaci steroidei.
  • Ipotiroidismo.
  • Qualsiasi causa di artrite.
  • Emocromatosi.
  • Morbo di Wilson (una malattia ereditaria che causa un accumulo di rame nel corpo).
  • Acromegalia (una malattia causata da un aumento del livello di ormone della crescita nel corpo).
  • Dialisi renale.
  • Intervento chirurgico o lesioni.
  • Basso livello di magnesio nel sangue (ipomagnesemia).

Il deposito del pirofosfato di calcio, diventa più comune con l’invecchiamento. Studi a raggi X mostrano che oltre la metà delle persone di età superiore agli 80 anni, hanno sintomi tipici di questa condizione. Uno studio inglese ha calcolato che 7-10 persone su 100 di età superiore ai 60 anni hanno la condrocalcinosi. Uomini e donne sono ugualmente colpiti.

Altri dait, indicano che ogni anno circa 1 persona su 100.000 soffre di un attacco acuto di pseudogotta.

I cristalli di pirofosfato di calcio che si accumulano sulla cartilagine (CC) possono non causare sintomi, ma possono solo essere evidenti su una radiografia.

L’artrite acuta causata dal deposito di questi cristalli o la pseudogotta, possono causate esattamente gli stessi sintomi della gotta. Quindi, avrete dolore, calore, rossore e gonfiore di una o più articolazioni. Ogni articolazione può essere coinvolta, ma le ginocchia sono più comunemente colpite ma anche i polsi, spalle, caviglie, mani e piedi.

L’artrite cronica causata dal deposito di questi cristalli assomiglia all’osteoartrite. Essa provoca un danno a lungo termine per le articolazioni, con dolore e rigidità. Ginocchia, spalle e polsi, sono le zone più colpite.

I raggi X possono essere utili per diagnosticare questa condizione, così come le scansioni. Studiare al microscopio, il liquido articolare che è stato rimosso con una siringa, può servire a individuare i tipici cristalli del deposito di pirofosfato di calcio.

I test possono essere necessari per escludere altre cause.

Ci sono diverse altre condizioni che possono causare dolore e gonfiore. Queste includono la gotta , infezioni (artrite settica), artrosi e artrite reumatoide.

La condrocalcinosi che non produce sintomi, non necessita di alcun trattamento.

La pseudogotta non può essere curata, ma il trattamento è disponibile per alleviare i sintomi fino a quando l’attacco si stabilizza. Gli impacchi di ghiaccio e il riposo possono essere utili. Gli antidolorifici e i farmaci anti-infiammatori, sono in genere somministrati per aiutare il dolore e l’infiammazione. Altri trattamenti comportano il drenaggio di tutto il liquido, tramite una siringa oppure, iniettare un liquido steroideo nelle articolazioni colpite o utilizzare le compresse di steroidee.

L’artrite cronica causata dai cristalli di pirofosfato di calcio, è di solito trattata nello stesso modo della pseudogotta, con antidolorifici e farmaci anti-infiammatori. Altri farmaci che possono essere utilizzati sono: colchicina , methotrexate e l’idrossiclorochina.

Gli attacchi di pseudogotta si stabilizzano, solitamente in circa dieci giorni. L’artrite cronica, causata dal deposito di questi cristalli, può causare danni alle articolazioni a lungo termine e difficoltà con i movimenti. Se il deposito del pirofosfato di calcio è causato da un’altra malattia, la gravità dipende dalla condizione di base.

Diversamente dalla gotta, non vi è alcun trattamento o dieta che possa impedire la formazione dei cristalli di pirofosfato di calcio. Se una condizione di base ha causato un episodio di pseudogotta (ad esempio, bassi livelli di magnesio o disidratazione), il trattamento di questa condizione, potrebbe prevenire ulteriori attacchi.

Come con l’osteoartrosi, il danno da artrite cronica causata da questi cristalli, può essere limitato, manteneno un peso sano e praticando l’esercizio fisico.

Bibliografia

  • Rothschild BM et al; Gout and Pseudogout, Medscape, Mar 2012
  • EULAR recommendations for calcium pyrophosphate deposition – Part II Management, European League Against Rheumatism (2011)
  • EULAR recommendations for calcium pyrophosphate deposition – Part I: terminology and diagnosis, European League Against Rheumatism (2011)
  • Abhishek A, Doherty M; Pathophysiology of articular chondrocalcinosis–role of ANKH. Nat Rev Rheumatol. 2011 Feb;7(2):96-104. Epub 2010 Nov 23.
  • Hahn M, Raithel M, Hagel A, et al; Chronic calcium pyrophosphate crystal inflammatory arthritis induced by extreme hypomagnesemia in short bowel syndrome. BMC Gastroenterol. 2012 Sep 22;12(1):129.