Ematoma subdurale

Ematoma subdurale: sintomi, cura, cause, terapia, diagnosi e prevenzione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)
Loading...

Un ematoma subdurale è una raccolta di coagulazione del sangue che si forma nello spazio subdurale. Questo è lo spazio tra due delle meningi, che formano il rivestimento protettivo che copre il cervello. Di solito si verifica a causa di una ferita alla testa. Si tratta di una condizione grave e può essere necessario un trattamento di emergenza. Una TC può mostrare la presenza di un ematoma subdurale. Può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere l’ematoma. Molte persone con un piccolo ematoma subdurale possono avere un recupero rapido e completo.

Le meningi sono il rivestimento protettivo che avvolge il cervello all’interno del cranio e il midollo spinale all’interno della spina dorsale.

Ci sono tre strati di meningi:

  • Lo strato più esterno, che si trova vicino al cranio o alla colonna vertebrale è chiamato dura madre.
  • Lo strato intermedio è chiamato aracnoide.
  • Lo strato interno che è più vicino al cervello o al midollo spinale è chiamato, la pia madre.

Ci sono anche tre spazi sottili tra gli strati delle meningi:

  • Lo spazio epidurale è lo spazio tra la colonna vertebrale e la dura madre. (C’è solo un potenziale spazio epidurale nel cranio.)
  • Lo spazio subdurale è lo spazio tra la dura madre e l’aracnoide.
  • Lo spazio subaracnoideo è lo spazio tra l’aracnoide e la pia madre.

Un ematoma subdurale è una raccolta di coagulazione del sangue che si forma nello spazio subdurale. Di solito si verifica a causa di una ferita alla testa. Per esempio, qualcuno cade e sbatte la testa o viene coinvolto in un incidente che provoca una ferita alla testa. Il trauma cranico può danneggiare e causare sanguinamento da uno o più dei vasi sanguigni in prossimità o all’interno dello spazio subdurale. Il sangue che fuoriesce dal vaso sanguigno si raccoglie nello spazio subdurale. Il trauma cranico può anche causare lesioni al tessuto cerebrale, allo stesso tempo.

A volte un ematoma subdurale può essere dovuto a causa del sanguinamento spontaneo e non come risultato di lesioni. Questo può accadere se si ha un problema di coagulazione del sangue e quindi si è più propensi ad avere un sanguinamento. Questo può essere a causo dei farmaci (come anticoagulanti come warfarin) o di una condizione come l’emofilia o la trombocitopenia.

Un’altra rara causa di un ematoma subdurale è il sanguinamento derivante da un vaso sanguigno gonfio all’interno del cervello, chiamato aneurisma. Il gonfiore rende la parete dell’arteria più debole e può strapparsi e provocare sanguinamento.

Un ematoma subdurale può essere:

  • Acuto, in cui il sangue si raccoglie in fretta dopo un trauma cranico; i sintomi possono verificarsi immediatamente o entro poche ore.
  • Subacuto, in cui i sintomi si sviluppano tra i 3-7 giorni dopo la lesione.
  • Cronico,il sangue si raccoglie lentamente dopo una lesione alla testa; i sintomi possono verificarsi entro 2-3 settimane dopo la lesione iniziale.

Un ematoma subdurale può verificarsi a qualsiasi età. Tuttavia alcune persone sono più a rischio di sviluppare un ematoma subdurale dopo una lesione alla testa:

  • Le persone anziane. Nelle persone di età superiore ai 60 anni, i vasi sanguigni in tutto il cervello possono diventare un po’più deboli. Questo li rende più suscettibili alle lesioni e al sanguinamento. Invecchiando, il cervello può ridursi all’interno del cranio. Questo mette sforzo supplementare sui vasi sanguigni e li rende più propensi a sanguinare dopo un trauma cranico.
  • Le persone che abusano di alcol. L’abuso di alcol può influenzare la coagulazione del sangue. Può anche causare un simile restringimento del cervello che avviene quando si invecchia. Anche questo effetto aumenta la sforzo sui vasi sanguigni rendendoli più propensi a sanguinare. Le persone che abusano di alcol, hanno anche più probabilità di cadere e sbattere la loro testa da qualche parte ( es: sull’asfalto).
  • Le persone in trattamento con anticoagulanti. Il trattamento con anticoagulanti (compreso il trattamento con aspirina o warfarin) può anche formare un ematoma subdurale, dopo una lesione alla testa.
  • Bambini. Nei bambini, un ematoma subdurale può essere causato dalla lacerazione delle vene nello spazio subdurale. Questo può essere causato da un problema fisico del bambino. Tuttavia, non tutti gli ematomi subdurali nei bambini sono causati da problemi fisici. Un ematoma subdurale può verificarsi anche per altri motivi in ​​un neonato o un bambino. Per esempio un trauma cranico.

Lesioni alla testa sono spesso lievi e non gravi. La maggior parte delle persone con un trauma cranico minore non otterrà un ematoma subdurale.

Tuttavia, una persona su tre, con un trauma cranico grave, avrà un ematoma subdurale. Per quanto sopra descritto, è più comune con l’aumentare dell’età.

Il cervello e le meningi, si adattano perfettamente all’interno del cranio. Se si forma un ematoma subdurale, il coagulo di sangue occupa spazio all’interno del cranio e schiaccia il tessuto cerebrale. Ciò provoca anche l’aumento della pressione all’interno del cranio (la pressione endocranica). Questo aumento di pressione può significare che il cervello non è in grado di funzionare normalmente. I sintomi quindi, iniziano a svilupparsi. A volte, i piccoli ematomi subdurali non producono alcun sintomo.

Ematoma subdurale acuto

I sintomi di un ematoma subdurale acuto di solito compaiono subito dopo un trauma cranico. Questi si sviluppano entro pochi minuti o 24-48 ore. Si può avere un oscuramento della vista al momento del trauma cranico, ma questo non sempre accade. Si può avere un periodo di poche ore dopo la lesione alla testa, dove vi sentite relativamente bene, ma poi la vostra condizione peggiora, Si può svenire per il forte ematoma. Se non svenite, potreste accusare sonnolenza o avere un brutto mal di testa. Potreste anche avere episodi di vomito. Si può anche diventare confusi e potete sviluppare la debolezza degli arti su un lato del corpo e difficoltà a parlare.

Ematoma subacuto subdurale

I sintomi saranno simili per la forma acuta, descritti sopra (variazione del livello di coscienza o avere sonnolenza, cefalea, nausea e / o vomito), ma diventeranno evidenti solo dopo 3-7 giorni.

Ematoma subdurale cronico

I sintomi di un ematoma subdurale cronico di solito non appaiono fino a circa 2-3 settimane dopo la lesione alla testa. In alcune persone può verificasi mesi dopo l’infortunio. In particolare, questo può verificarsi in una persona anziana che assume farmaci anticoagulanti o in persone che abusano di alcol.

I sintomi tendono a progredire gradualmente. Spesso ci può essere la perdita di appetito, nausea e/o vomito. Solitamente vi è un mal di testa che diventa progressivamente più grave. È possibile notare il progressivo aumento della debolezza degli arti su un lato del corpo, difficoltà di linguaggio o disturbi visivi. Ci può anche essere un aumento della sonnolenza e confusione o, cambiamenti di personalità. A volte un sequestro può verificarsi. Un ematoma subdurale cronico può essere difficile da individuare e può non essere riconosciuto nel tempo.

Qualcuno con un sospetto ematoma subdurale, dovrebbe essere visitato in un ospedale. Si tratta di una condizione grave e può essere necessario un trattamento di emergenza. Un esame completo verrà fatto per cercare i segni di un possibile ematoma subdurale. Essi potranno anche cercare i segni di altre eventuali lesioni presenti. I medici saranno in grado di controllare il livello della coscienza, cercare eventuali segni di debolezza degli arti e anche esaminare la parte posteriore dei vostri occhi per cercare eventuali segni di un’aumentata pressione all’interno del cranio.

Gli esami del sangue possono essere presi per cercare altre possibili ragioni per cui vi sentite confusi. Gli esami del sangue possono mostrare problemi con la coagulazione del sangue. Una TC della testa(o talvolta, una risonanza magnetica) è necessaria per individuare un ematoma subdurale. Potrebbe anche essere necessario sottoporsi ad altre scansioni o raggi X a seconda che eventuali altre lesioni sono sospettate.

Il trattamento dipende dal tipo di ematoma: acuto o cronico, dalle dimensioni dell’ematoma e dai sintomi che avete.

Se vi è un piccolo ematoma subdurale acuto, che non produce alcun sintomo (o i sintomi non sono gravi), a volte può essere trattato solo con un attento monitoraggio e osservazione. Il coagulo di sangue si riassorbe e si elimina da solo. Gli esami fisici ripetuti sono di solito eseguiti per valutare il vostro livello di coscienza e per cercare eventuali sintomi, come mal di testa, debolezza degli arti, ecc. Le ripetute scansioni TC, possono essere utilizzate anche per garantire che l’ematoma non è in aumento in termini di dimensioni. La chirurgia è di solito necessaria per il trattamento di un ematoma subdurale se i sintomi iniziano a comparire e la condizione del paziente peggiora.

La chirurgia può essere utilizzata in via preliminare, se vi è un grande ematoma subdurale, se ci sono segni di aumentata pressione all’interno del cranio o se vi sono problemi come debolezza degli arti o disturbi della parola. La chirurgia coinvolge sia i fori nel cranio (chiamati fori radica) o un’operazione chiamata craniotomia.

I fori vengono fatti, perforando il cranio sopra l’area in cui l’ematoma subdurale si è formato. Questi fori consentono al sangue di essere rimosso o aspirato attraverso di essi. I punti o le graffette vengono poi utilizzate per chiudere tali fori.

Una craniotomia consiste nella rimozione di parte del cranio, in modo che il cervello e le meningi siano accessibili. Si può alleviare qualsiasi aumento della pressione all’interno del cranio e può così venire rimossa qualsiasi significativa coagulazione del sangue nello spazio subdurale. La sezione del cranio, che è stata rimossa verrà poi sostituita e fissato in posizione corretta.

Questa dipenderà dalla gravità della lesione alla testa iniziale. Molte persone con un piccolo ematoma subdurale possono avere un recupero rapido e completo. Se non ci sono danni al tessuto cerebrale sottostante, 4 persone su 5 con un ematoma subdurale acuto sopravvive. Se vi sono anche danni al tessuto cerebrale, la prospettiva è generalmente peggiore (se non ci sono danni tessuto cerebrale). Alcune persone muoiono a causa degli effetti di un grande ematoma sul cervello.

L’infezione o la meningite può essere una complicanza che si verifica dopo la chirurgia per un ematoma subdurale. Talvolta come risultato del coagulo che preme sul cervello ci possono essere danni permanenti come la debolezza degli arti, problemi di linguaggio o problemi di memoria. Se questo è il caso, la riabilitazione e il sostegno dei fisioterapisti, terapisti occupazionali e logopedisti possono contribuire a migliorare la funzione di una persona.

Se si assumono farmaci anticoagulanti come il warfarin, fate in modo di avere frequenti analisi del sangue. Questo serve per verificare che stiate prendendo la dose corretta e che il vostro sangue non diventi troppo diluito. Se il sangue diventa troppo diluito, si hanno maggiori probabilità di avere un ematoma subdurale se si cade e si sbatte la testa.

Tutti dovrebbero avere la preoccupazione di cercare di ridurre il rischio di cadere e sbattere la testa. Questo può includere il prendere semplici misure di sicurezza nell’ambiente domestico, come la rimozione degli ostacoli casalinghi. Le persone che hanno problemi con l’abuso di alcol, dovrebbero smettere di bere o di abusare dell’alcol, per evitare di di cadere.

Se voi o i vostri bambini partecipate a sport come il ciclismo, pattinaggio, lo sci, la boxe o skateboard, ecc, dovreste indossare un casco/ copricapo protettivo per ridurre il rischio delle gravi lesioni alla testa.

Bibliografia

  • Jayawant S, Parr J; Outcome following subdural haemorrhages in infancy. Arch Dis Child. 2007 Apr;92(4):343-7.
  • Rust T, Kiemer N, Erasmus A; Chronic subdural haematomas and anticoagulation or anti-thrombotic therapy. J Clin Neurosci. 2006 Oct;13(8):823-7.
  • Adhiyaman V, Asghar M, Ganeshram KN, et al; Chronic subdural haematoma in the elderly. Postgrad Med J. 2002 Feb;78(916):71-5.
  • Bullock MR, Chesnut R, Ghajar J, et al; Surgical management of acute subdural hematomas. Neurosurgery. 2006 Mar;58(3 Suppl):S16-24; discussion Si-iv.
  • De Souza M, Moncure M, Lansford T, et al; Nonoperative management of epidural hematomas and subdural hematomas: is it safe in lesions measuring one centimeter or less? J Trauma. 2007 Aug;.