Ematuria: sintomi, cura, cause, terapia, diagnosi e prevenzione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)

Loading...Loading...

L`ematuria consiste nella emissione di sangue con le urine. Si distingue una ematuria macroscopica che conferisce un colore rossastro alle urine ed una ematuria microscopica che si rivela all`esame microscopico del sedimento urinario.

L’ematuria è detta iniziale quando il sanguinamento si manifesta all’inizio della minzione, terminale quando appare alla fine e totale quando l’intero getto delle urine ha un colore anomalo.

Sintomi dell’ematuria

L’ematuria è detta macroscop ica se è lo stesso paziente ad accorgersene, perché l’urina appare di colore rosso, rosato o brunastro e a volte contiene piccoli coaguli ematici.

Se invece l’ematuria è microscopica, l’urina ha aspetto no rmale e l’anomalia si rivela solo all’esame al microscopio. Talvolta la colorazione rossa o color arancia dell’urina non è dovuta a presenza di sangue, ma all’ingestione di barbabietole o di alcuni farmaci.

Le cause dell’ematuria

L’ematuria può essere accompagnata da dolore oppure essere completamente indolore. Se coesiste dolore la perdita di sangue è probabilmente dovuta ad una patologia localizzata a livello del parenchima renale, alla prostata oppure alla vescica.

Se nel sedimento non si trovano cilindri (che indicano la presenza di una malattia di tipo glomerulonefritico) l’ematuria può derivare da una lesione tumorale del rene o della vescica. In questi casi il sanguinamento è spesso intermittente, quindi l’ipotesi non va esclusa, soprattutto in soggetti non più giovani, solo perché in un successivo esame delle urine l’ematuria non è più evidente. Altre cause di ematuria non dolorosa sono rappresentate dal rene policistico, dalle cisti solitarie renali, dall’idronefrosi, dalla iperplasia prostatica benigna.

Se l’ematuria si associa a dolore di tipo colico la causa più probabile è la calcolosi renale; anche il passaggio di un coagulo ematico all’interno delle vie urinarie può provocare una colica.

Tra le malattie che più spesso ne sono all’origine vi sono le infezioni urinarie (cistite), i tumori e i papillomi della vescica, gli ade nomi e il cancro della prostata, i calcoli renali o uretrali, i tumori de i reni, le tubercolosi urinarie e, in via eccezionale, alcune malformazioni vascolari a carico dei reni.

Generalmente un’ematuria iniziale rivela la presenza di un tumore della prostata; un’ematuria terminale una malattia della vescica; un’ematuria totale un danno renale, soprattutto se si associa a una colica renale.

La diagnosi dell’ematuria si basa sull’esame citobatterio logico delle urine (ECBU), sull’urografia endovenosa e sull’ecografia renale e vescicale. Se da questi esami non emerge alcuna anomalia, si fa ricorso a una TC addominopelvica, oppure a un’arteriografia renale.

Terapia e cura dell’ematuria

Il trattamento consiste nel curare la malattia all’origine dell’ematuria.