Sindrome dell'occhio secco

Sindrome dell’occhio secco: sintomi, cura, cause, terapia, diagnosi e prevenzione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)
Loading...

La sindrome da occhio secco, si verifica quando vi è una diminuzione della produzione di lacrime che inumidiscono, proteggono e puliscono gli occhi. La sindrome dell’occhio secco è uno dei problemi più comuni degli occhi e diventa più comune con l’avanzare dell’età, perché la produzione di lacrime può diminuire come parte del processo di invecchiamento. Le donne sono più colpite rispetto agli uomini e questa sindrome è più probabile che si presenti durante i tempi di cambiamento ormonale come ad esempio, dopo la menopausa, durante la gravidanza o l’allattamento. La pillola anticoncezionale può scatenare la sindrome dell’occhio secco, e così molti altri farmaci, tra cui antidepressivi, antistaminici, decongestionanti, agenti ansiolitici e diuretici o altri farmaci per la pressione sanguigna. Alcuni farmaci che vengono utilizzati per gli occhi, possono anche causare la secchezza degli occhi, come una reazione allergica.

Diverse malattie autoimmuni possono anche influenzare la capacità del corpo di produrre lacrime, inclusa la sindrome di Sjogren, l’artrite reumatoide e la miastenia grave, così come altre condizioni come la paralisi di Bell e la disfunzione tiroidea.

Sintomi della sindrome dell’occhio secco

La sindrome dell’occhio secco può causare:

  • Bruciore agli occhi o prurito
  • Una sensazione di qualcosa di negli occhi, come la sabbia
  • Sensibilità alla luce
  • Difficoltà indossare le lenti a contatto
  • Eccessiva lacrimazione

La lacrimazione eccessiva può sembrare un essere un sintomo insolito per la sindrome dell’occhio secco. Ma queste, sono chiamate lacrime irritanti, e sono prodotte come reazione alla sindrome. Esse contengono più acqua delle lacrime normali, le quali hanno un equilibrio tra acqua, grasso e muco. Pertanto, le lacrime in eccesso quando fuoriescono dagli occhi, non possono lubrificare come le lacrime normali.

Diagnosi della sindrome dell’occhio secco

Dopo aver parlato con voi circa i sintomi oculari e la salute generale, il medico può sospettare che voi abbiate la sindrome dell’occhio secco. Un esame fisico completo e, a volte, alcuni esami del sangue possono aiutare a determinare se si dispone anche di una malattia autoimmune. Il medico può fare riferimento ad un oculista, così il vostro occhio può essere valutato in modo più completo per:

  • Punti asciutti sulla cornea, rivelati da mettere una macchia nell’occhio
  • Qualità della lacrima anomala, come determinato dall’analisi delle lacrime
  • Produzione delle lacrime insufficiente, misurata con una procedura chiamata test di Schirmer, in cui una carta da filtro è posto all’interno della palpebra inferiore e, dopo cinque minuti, la quantità di umidità della carta viene misurata

Durata prevista della sindrome dell’occhio secco

La secchezza degli occhi può essere di breve durata se è causata da un farmaco, da una fluttuazione ormonale o da un altra condizione reversibile. Tuttavia, se si riferisce ad una condizione autoimmune, può essere cronica.

Terapia e cura della sindrome dell’occhio secco

I due metodi più comuni di trattamento sono la sostituzione delle lacrime o la loro conservazione. Nella maggior parte dei casi, è possibile utilizzare le lacrime artificiali, che hanno una composizione simile a quella delle lacrime naturali, e sono disponibili presso le farmacie. Le pomate lubrificanti, possono essere utilizzate per i casi più gravi, ma tendono ad offuscare la visione perciò dovrebbero essere applicate quando state per andare a letto.

Se questi metodi non alleviano i sintomi, il medico può provare a conservare le lacrime, tappando i fori di drenaggio lacrimale, chiamati puncta, con piccole spine fatte di collagene o silicone. Nei casi peggiori, i fori possono essere chiusi mediante una permanentemente cauterizzazione elettrica.

Quando anche questi trattamenti non sono efficaci, un altro approccio da effettuare è quello di aumentare la produzione delle lacrime, utilizzando i farmaci topici, inclusi la ciclosporina o il diquafosol. La ciclosporina topica (Restasis), riduce l’infiammazione delle ghiandole lacrimali favorendo un miglioramento della produzione lacrimale. Il diquafosol tetrasodium, stimola il passaggio dell’acqua attraverso la congiuntiva ed è tutto’ora, oggetto di ricerca, e fino a marzo 2011, non aveva ottenuto l’approvazione della FDA per il trattamento della sindrome dell’occhio secco.

La ricerca, suggerisce che altri trattamenti potenzialmente efficaci per la sindrome dell’occhio secco possono essere:

  • Supplementi antiossidanti orali
  • Vitamina topica A
  • Sodio ialuronato applicati nell’occhio
  • Glucocorticoidi topici (anche se solo per uso a breve termine, dato il potenziale di effetti collaterali significativi)
  • Pilocarpina
  • Omega-3 e omega-6 acidi grassi
  • Le lenti a contatto speciali che aiutano a mantenere le lacrime sopra l’occhio
  • Agopuntura

Gli umidificatori, gli impacchi umidi e le lenti che proteggono gli occhi (come occhiali da sole avvolgenti, occhiali da protezione o occhiali dotati di “scudi” ai lati) possono aiutarvi per questa condizione.

Quando chiamare un professionista

Chiamate il vostro medico se i sintomi durano più di un paio di giorni. Consultate un medico prima di  iniziare il trattamento con le lacrime artificiali che trovate in farmacia.

Prognosi della sindrome dell’occhio secco

Per la maggior parte dei casi, le prospettive di guarigione sono buone, perché la condizione è più un fastidio che una condizione pericolosa per la salute o per gli occhi. I sintomi spesso scompaiono rapidamente se cambiate il tipo di lenti a contatto, modificate i farmaci o alcuni fattori del vostro ambiente. Anche quando i sintomi persistono, in genere possono essere controllati.

Prevenzione della sindrome dell’occhio secco

Per ridurre le probabilità di sviluppare la secchezza degli occhi, provate quanto segue:

  • Riducete l’esposizione ad alcune delle condizioni che possono causare o aggravare la condizione, tra cui il vento, fumo, vapori chimici, calore secco, asciugacapelli e l’aria condizionata.
  • Utilizzate un umidificatore in casa.
  • Smettete di indossare le lenti a contatto se avete dei sintomi di questa sindrome.
  • Per evitare la diminuzione dell’aprire e chiudere le palpebre, che potrebbe far peggiorare i sintomi, fate pause regolari se passate lunghe ore al pc.

Prestate particolare attenzione a queste precauzioni se disponete di una condizione medica o se prendete un farmaco che è associato con la sindrome dell’occhio secco. A volte, cambiare il tipo di farmaco può aiutare, anche se questo deve essere fatto solo con la supervisione del medico. Se i sintomi sono gravi, è possibile proteggere i vostri occhi con l’aria secca da durante le attività all’aperto, indossando occhiali protettivi, per mantenere l’umidità intorno agli occhi.