Uveite

Uveite: sintomi, cura, cause, terapia, diagnosi e prevenzione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)
Loading...

L’uveite è l’infiammazione della parte dell’occhio chiamato il tratto uveale che comprende l’iride, il corpo ciliare e il coroide. Questa infiammazione viene classificata a seconda della parte del tratto uveale che colpisce e i sintomi variano in base a questa classificazione. L’uveite può essere ad insorgenza improvvisa (acuta), di lunga durata (cronica) o ricorrente (recidivante). Il trattamento, spesso avviene con l’uso di colliri steroidei, che di solito possono ridurre l’infiammazione e alleviare i sintomi. Se il trattamento non viene iniziato tempestivamente e/o alcune complicazioni si verificano, c’è il rischio di perdere la vista permanentemente.

L’uveite è l’infiammazione del tratto uveale. Il tratto uveale è il nome dato alla parte dell’occhio che si compone di:

  • L’iride, la parte dell’occhio che ne dona il colore.
  • Il corpo ciliare: un piccolo muscolo anulare che si trova dietro la vostra iride.
  • Il coroide: lo strato di tessuto posto tra la retina e la vostra sclera, esso contiene i vasi sanguigni e un pigmento che assorbe la luce in eccesso.

Le parti del vostro occhio accanto al tratto uveale possono essere colpite. Questi includono:

  • La retina: lo strato fotosensibile che riveste l’interno del vostro occhio.
  • Il nervo ottico: il nervo responsabile della visione.
  • Il vitreo: la materia gelatinosa che riempie la camera dietro la lente.
  • La sclera: lo strato esterno bianco del bulbo oculare.

L’uveite è classificata a seconda della parte del tratto uveale colpita dall’infiammazione:

  • Uveite anteriore è il termine per infiammazione che colpisce la parte anteriore dell’occhio. Questo può includere l’iride (irite) o l’iride e il corpo ciliare (iridociclite). È il tipo più comune di uveite.
  • Uveite intermedia è il termine che indica l’infiammazione che colpisce la parte centrale del tratto uveale o oculare, principalmente l’umor vitreo. Si può anche influenzare la retina sottostante.
  • Uveite posteriore è il termine per infiammazione che colpisce la parte posteriore dell’occhio. Può interessare il coroide, la testa del nervo ottico e la retina (o qualsiasi combinazione di queste strutture). Essa comprende corioretinite, retinite e neuroretinite.
  • Panuveitis è il termine per infiammazione che interessa l’intero tratto uveale.

L’uveite può anche essere:

  • Acuta: l’uveite è di insorgenza improvvisa e tende a non durare molto a lungo (meno di tre mesi, ma di solito circa sei settimane).
  • Cronica: questo significa che è persistente. L’uveite si protrae per più di tre mesi e si ripresenta anche dopo tre mesi dalla sospensione del trattamento.
  • Ricorrente: la malattia può divampare ed essere recidiva nel corso del tempo.

Il motivo per cui alcune persone sviluppano l’uveite cronica non è noto.

Sintomi dell’uveite

I sintomi possono variare a seconda del tipo di uveite che avete.

Uveite anteriore

Questo tipo di solito colpisce un occhio solo. I sintomi più comuni sono dolore agli occhi, arrossamento dell’occhio, e fotofobia (il che significa che non gradirete la luce brillante diretta ai vostri occhi). Si può sviluppare la visione vaga o anche qualche perdita visiva (di solito temporanea). Potreste sviluppare mal di testa e notare che la pupilla dell’occhio interessato può cambiare forma leggermente. La pupilla non può reagire alla luce (normalmente diventa più piccola) o può perdere la sua forma arrotondata e liscia. Il vostro occhio può diventare acquoso. I sintomi tendono a svilupparsi entro un paio di ore o giorni.

Uveite intermedia

Questo  tipo di uveite, di solito provoca la visione offuscata indolore. E’ insolito sperimentare la fotofobia e l’arrossamento dell’occhio. Potreste notare di vedere sagome scure, soprattutto quando si guarda uno sfondo illuminato brillantemente come un cielo blu. Entrambi gli occhi sono di solito colpiti dall’uveite intermedia.

Uveite posteriore

Questo tipo di uveite, vi causerà la visione offuscata e indolore. In alcune persone, può anche causare una grave perdita visiva. Se si dispone dell’uveite posteriore potreste notare le miodesopsie. Potreste anche sviluppare gli scotomi. Gli scotomi sono piccole aree meno sensibili, dove la visione nel vostro campo visivo è ridotta. Queste aree sono circondate da una vista normale. Solitamente è uno solo dei vostri occhi a risentire dell’uveite posteriore e i sintomi tendono a richiedere più tempo per svilupparsi.

Ci sono diverse cause dell’uveite le quali sono associate con un certo numero di altre malattie. Tuttavia, più della metà dei casi, non comporta alcuna causa specifica per l’uveite. Questo è noto come uveite idiopatica.

Le cause note e le associazioni di uveite sono le seguenti:

Malattie autoimmuni ed infiammatorie

Il nostro sistema immunitario normalmente crea piccole proteine ​​(anticorpi) che attaccano i batteri, virus e altri “germi”. Nelle persone con le malattie autoimmuni, il loro sistema immunitario produce anticorpi contro i tessuti del proprio corpo, causando danni e infiammazioni. Non è chiaro il motivo per cui questo accade. Alcune persone hanno la tendenza a sviluppare malattie autoimmuni. Per queste persone, qualcosa potrebbe innescare il sistema immunitario ad attaccare i tessuti del corpo. I fattori che scatenano questa reazione non sono noti.

Le malattie autoimmuni che sono associate con l’uveite includono l’artrite reumatoide e il morbo di Behçet. Si pensa che l’uveite idiopatica, possa effettivamente avere una base autoimmune.

Le persone affette da altre malattie infiammatorie sono anche più inclini a contrarre l’uveite. Tali malattie comprendono la spondilite anchilosante, artrite reattiva (tra cui la sindrome di Reiter), sarcoidosi, psoriasi e malattie infiammatorie intestinali (compresa la malattia di Crohn) e la colite ulcerosa.

Infezioni

Vari tipi di infezioni causate da germi (batteriche, fungine e virali) possono causare l’infiammazione del vostro occhio e l’uveite. Le infezioni comprendono l’herpes simplex, l’herpes zoster, la toxoplasmosi, il citomegalovirus, la sifilide, la gonorrea, la tubercolosi e la malattia di Lyme. Le infezioni sono una rara causa dell’uveite.

Lesioni agli occhi

L’uveite può verificarsi dopo un infortunio al vostro occhio.

Cause iatrogene

Il termine ”iatrogena” si riferisce sia ad un imprevisto o ad un effetto collaterale inevitabile di un trattamento medico. In questo caso, l’uveite iatrogena è solitamente l’uveite che è causata dalla chirurgia oculare.

Tumori

Alcuni tipi di cancro sono associati con l’infiammazione e con l’uveite. Questi includono la leucemia, linfoma e melanoma maligno.

Si pensa che tra le 17 e le 52 persone su 100.000, sviluppano l’uveite ogni anno. Essa colpisce soprattutto le persone di età compresa tra 20 e 59 anni e non è comune nei bambini. Tuttavia, l’uveite può colpire chiunque, a qualsiasi età. Se si dispone di una delle condizioni di base o problemi descritti sopra, avrete un maggior rischio di sviluppo l’uveite. Nei paesi del mondo sviluppato, l’uveite è la causa di disabilità per una persona su cento.

L’uveite è di solito sospettata sulla base dei sintomi che avete. Se il medico sospetta che avete l’uveite, di solito farà riferimento ad un oculista per un ulteriore esame e per avere la conferma. Il medico potrà quindi iniziare a testare la vostra visione. Questo gli permetterà di valutare le eventuali differenze di visione tra gli occhi. Ciò significa anche che si potrà capire se l’uveite sta causando il peggioramento della vostra visione.

Il medico controllerà il vostro occhio utilizzando un microscopio speciale chiamato lampada a fessura per esaminare l’occhio. Se si dispone dell’uveite, il medico vedrà alcuni cambiamenti specifici nel vostro occhio che gli permetterà di fare la diagnosi.

Potreste avere bisogno di ulteriori indagini, soprattutto se il medico pensa che ci possa essere un problema di fondo. Potreste anche necessitare di ulteriori indagini se avete avuto precedenti episodi di uveite o se questo episodio è grave o se colpisce entrambi i vostri occhi. Questi test possono includere la tomografia a coerenza ottica (OCT), che riesce a prendere immagini del vostro occhio, esami del sangue e forse anche una radiografia del torace.

Il trattamento per l’uveite si propone di contribuire ad alleviare il dolore e il disagio negli occhi, trattare qualsiasi causa sottostante (se possibile) e ridurre l’infiammazione. Questo può evitare la perdita permanente della vista o essere colpiti da altre complicazioni. Il trattamento di solito comprende le seguenti operazioni:

Colliri steroidei

I colliri steroidei, sono utilizzati per ridurre l’infiammazione dell’uveite. Le gocce di questi colliri, sono di solito il principale trattamento per l’uveite e possono essere l’unico per attacchi lievi. Esempi di colliri steroidei comprendono i colliri prednisolone e desametasone.

Anche se questi colliri di solito funzionano bene, in alcuni casi si possono verificare effetti collaterali, che sono a volte gravi. Pertanto, i colliri steroidei sono di solito prescritti solo da un oculista, perchè egli può monitorare la situazione.

I possibili effetti collaterali che si verificano a volte comprendono ulcere sulla cornea dell’occhio, le quali possono essere molto dolorose e influenzare la vostra visione. Se il collirio steroideo viene utilizzato per lunghi periodi di tempo, può portare all’opacità delle vostre lenti (cataratta) o aumentare la pressione nell’occhio (glaucoma).

Terapia per alleviare il dolore e il disagio

  • Gocce per l’occhio cicloplegiche: sono particolari colliri che possono essere utilizzati per alleviare il dolore, provocare la dilatazione della pupilla in un occhio. Le gocce fanno si che la pupilla si dilati oltre che rilassare la muscolatura del corpo ciliare. Di conseguenza, il dolore e l’infiammazione dell’iride diminuiscono e potete recuperare da questa condizione. Gli esempi includono il collirio atropina e il ciclopentolato. Tuttavia, possono esserci alcuni effetti collaterali. Essi possono rendere la vostra pupilla più grande, la quale potrebbe causare un temporaneo offuscamento della vista e difficoltà di messa a fuoco. Quando l’effetto delle gocce svanisce, questi effetti collaterali scompaiono. Se non si utilizzano queste gocce, l’infiammazione dell’iride può causare un ”attaccato” alla lente provocando cicatrici permanenti.
  • Occhiali scuri: se i sintomi includono sensibilità alla luce (fotofobia), dovrete indossare occhiali scuri.
  • Antidolorifici: antidolorifici, come il paracetamolo, possono aiutarvi con la vostra condizione.

Gli steroidi per via orale o per iniezione

In caso di grave uveite, gli steroidi a volte vengono somministrati per iniezione intorno al vostro occhio. Possono essere forniti anche per via orale. Questi farmaci possono avere effetti collaterali se usati nel lungo periodo. I principali effetti collaterali da steroidi assunti per bocca, si verificano quando sono utilizzati per più di poche settimane. Questi comprendono assottigliamento delle ossa (osteoporosi), assottigliamento della pelle, aumento di peso, perdita di massa muscolare e un aumento del rischio di infezioni gravi.

Farmaci immunosoppressori

Se il trattamento con gli steroidi è necessario a lungo termine per curare l’uveite, un secondo farmaco noto come farmaco immunosoppressore può essere utilizzato. Questo può aiutare a ridurre la quantità di steroidi necessari e/o aiutare a controllare l’uveite, se gli steroidi non funzionano come dovrebbero.

Il trattamento di condizioni e delle cause indirette

Qualsiasi causa di fondo della vostra uveite ha bisogno di essere trattata (se possibile). Ciò significa trattare qualsiasi infezione sottostante, malattia infiammatoria o malattia autoimmune.

Chirurgia

A volte, l’intervento chirurgico è necessario per il trattamento dell’uveite cronica. La chirurgia è utilizzata in aggiunta ad altri trattamenti, sopra menzionati. L’uveite non può essere trattata solo con la chirurgia.

Per esempio, se qualcuno ha alterazioni della vista, il vitreo nell’occhio può essere rimosso. Queste alterazioni visive, tendono a svilupparsi a causa di un infiammazione che causa danni al vitreo.

La chirurgia può anche essere usata per trattare la complicazione della cataratta che possono anche verificarsi.

Nuove terapie

Ci sono un certo numero di nuovi trattamenti per l’uveite che sono attualmente oggetto di studio per essere approvati. Queste includono l’uso dei farmaci chiamati bloccanti del TNF-alfa, come etanercept e infliximab.

Se l’uveite non è trattata in modo rapido, può causarvi gravi effetti i quali possono portare alla perdita permanente della vista. Può anche causarvi complicazioni che possono influenzare la vostra vista. Se le complicanze non sono diagnosticate precocemente, a volte possono avere un effetto più dannoso sulla vostra vista rispetto all’uveite stessa.

Le complicazioni dell’uveite possono essere causate dagli effetti dell’infiammazione all’interno dell’occhio. Tuttavia, alcuni di essi possono anche essere dovuti dal trattamento steroideo utilizzato per controllare l’infiammazione. Nonostante questo, come regola generale, utilizzando sufficienti steroidi si può controllare l’uveite e ottenere un risultato migliore anzichè usare pochi steroidi e non controllare l’infiammazione. Le complicazioni che talvolta possono verificarsi con l’uveite includono:

  • Formazione di sinechie: sinechie è il nome dato alle “bande” di tessuto che si possono formare tra l’iride e la lente a causa di infiammazioni se l’uveite non viene trattata tempestivamente. Il collirio che causa l’ampliamento della pupilla, a volte può aiutare a prevenire le sinechie.
  • Glaucoma: la pressione nel vostro occhio può aumentare improvvisamente e può causare un glaucoma. L’infiammazione dell’occhio può causare un aumento della pressione nell’occhio. L’uso di steroidi può anche causare un aumento improvviso della pressione, soprattutto se già disponete di un glaucoma. Se il glaucoma non viene trattato, può portare alla perdita della vista. Il glaucoma può anche essere causato da ripetuti attacchi di uveite o da un effetto collaterale del trattamento con steroidi a lungo termine.
  • Edema maculare: questo è il termine che indica la formazione di fluido nella parte posteriore dell’occhio intorno alla macula sulla vostra retina. Essa può causare la perdita visiva permanente.
  • Formazione della cataratta: l’infiammazione può causare cambiamenti nella lente dell’occhio, e opacità del cristallino (cataratta). La cataratta può anche essere causata da un trattamento steroideo a lungo termine. Se la cataratta peggiora e non viene trattata, può portare alla perdita della vista.
  • Distacco della retina: l’infiammazione può causare il distaccamento della retina. Questo può causare problemi con la vostra visione. Se si sospetta di avere un distacco della retina, contattate immediatamente il medico, in quanto è spesso necessario un intervento chirurgico urgente.

In generale, prima avviene il trattamento dell’uveite anteriore e migliori saranno i risultati. Tuttavia, l’uveite anteriore può tornare, soprattutto se è associata ad una malattia preesistente, come una malattia autoimmune o una delle malattie infiammatorie sopra menzionate.

L’uveite anteriore può anche diventare persistente (cronica) in alcune persone, nonostante il trattamento precoce e adeguato.

Con l’uveite intermedia o posteriore, è più probabile che la condizione duri più a lungo o che diventi cronica. Alcune persone che hanno l’uveite ricorrente, imparano a riconoscere i loro sintomi. Riceveranno gocce di colliri steroidei. Le persone che hanno l’uveite cronica o ricorrente di solito sono sotto la cura a lungo termine di un oculista e dovranno sottoporsi a regolari visite di controllo.

L’uveite causata da un’infezione generale si risolve quando l’infezione viene trattata e di solito non si ripresenta.

Bibliografia

  • Uveitis; NICE CKS, November 2009
  • Grunwald L, Newcomb CW, Daniel E, et al; Risk of Relapse in Primary Acute Anterior Uveitis. Ophthalmology. 2011 Jun 14.
  • Guly CM, Forrester JV; Investigation and management of uveitis. BMJ. 2010 Oct 13;341:c4976. doi: 10.1136/bmj.c4976.