Vaginite Atrofica

Vaginite Atrofica: SINTOMI, CURA, CAUSE, TERAPIA, DIAGNOSI E PREVENZIONE

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)
Loading...

Molte donne notano cambiamenti nella loro zona vaginale e genitale, dopo la menopausa. Questi cambiamenti possono includere secchezza e disagi durante il sesso. Ci possono essere anche sintomi vescicali. Questi possono essere migliorati con il trattamento. Le opzioni di trattamento comprendono la terapia ormonale sostitutiva (HRT), l’uso di una crema estrogena, l’uso di ovuli e gel lubrificanti.

Prima della menopausa, la pelle e i tessuti intorno alla vagina, sono morbidi e umidi, per via della presenza di fluidi e muco i quali sono prodotti dalle ghiandole del collo del utero. Gli estrogeni (gli ormoni femminili) interessano queste ghiandole. Gli estrogeni colpiscono anche i tessuti dentro e intorno alla vagina, causando l’ispessimento del rivestimento della vagina, rendendolo più elastico. L’estrogeno stimola anche le cellule che rivestono la vagina per produrre il glicogeno, un composto che favorisce la presenza di batteri che proteggono la vagina dalle infezioni.

Dopo la menopausa le ovaie producono meno estrogeni. La mancanza di estrogeni porta all’assottigliamento dei tessuti intorno alla vagina e una riduzione del numero di ghiandole che producono il muco. Si può anche perdere un po’ di tessuto adiposo intorno alla zona genitale.

In sintesi, i cambiamenti ormonali che si verificano durante la menopausa rendono la vagina meno elastica e secca. Questi cambiamenti di solito richiedono mesi o anni per svilupparsi dopo la menopausa e variano da donna a donna. La vaginite atrofica è il termine medico per indicare la condizione in cui questi cambiamenti producono dei sintomi fastidiosi.

Dopo la menopausa, circa la metà delle donne hanno alcuni sintomi legati alla vaginite atrofica. Avrete più probabilità di avere i sintomi di questa condizione con il passare degli anni.

I cambiamenti sopra descritti possono verificarsi senza causare alcun sintomo o disagio. Tuttavia, alcuni dei seguenti sintomi possono svilupparsi in alcune donne. La vaginite atrofica è una causa comune (e di solito trattabile) dei seguenti problemi. Tuttavia, questi problemi possono essere causati anche da altre condizioni mediche.

  • Dolore quando si hanno rapporti sessuali. Questo può verificarsi perché la vagina è più piccola, più secca e ha meno probabilità di diventare lubrificata durante il sesso, rispetto a come era prima della menopausa. Inoltre, la pelle intorno alla vagina è più fragile e questo può peggiorare il problema.
  • Disagio, se la vostra vulva o la vagina è dolente e arrossata.
  • Perdite vaginali. Ci può essere uno scarico bianco o giallo. A volte questo è dovuto ad un’infezione. L’infezione è più probabile se lo scarico è maleodorante e sgradevole.
  • Prurito. La pelle intorno alla vagina è più sensibile e più propensa a causare prurito. Questo può rendervi inclini a graffi, che possono portare prurito e così via. Questo è chiamato un ciclo di prurito/zero, il quale può diventare difficile da rompere e può essere doloroso.
  • Problemi urinari. La vaginite atrofica può contribuire a vari problemi urinari. Questo è causa dell’assottigliamento e di un indebolimento dei tessuti intorno al collo della vescica o intorno all’uretra. Ad esempio, i sintomi urinari possono  includere l’urgenza di andare in bagno le infezioni urinarie ricorrenti.

Non tutte le donne hanno tutti i sintomi elencati precedentemente. Il trattamento può dipendere da quali sintomi sono presente. Poiché il problema è dovuto principalmente alla mancanza di estrogeni, spesso può essere d’aiuto sostituire l’estrogeno nei tessuti.

La terapia ormonale sostitutiva (HRT)

Questo significa assumere gli estrogeni in forma di compresse, gel o cerotti. Questo è spesso il miglior trattamento per alleviare i sintomi, ma alcune donne non piace l’idea di prendere HRT. Ci sono vantaggi e svantaggi nell’usare la terapia ormonale sostitutiva.

Creme di estrogeni e altri preparati per l’uso topico

A volte una crema, pastiglie, un diaframma vaginale o un anello contenente estrogeni, sono tutti metodi che possono essere prescritti. Un diaframma è un piccolo blocco solubile che viene inserito nella vagina. Le pastiglie, si inseriscono nella vagina con un piccolo applicatore. L’anello è un anello flessibile morbido, con un centro che contiene l’ormone estrogeno. Questo anello rilascia gli estrogeni in modo costante, a basso dosaggio ogni giorno e dura per tre mesi.

Queste preparazioni lavorano per ripristinare il livello di estrogeni nella vagina e nei tessuti circostanti senza dare estrogeni a tutto il corpo. Solitamente il trattamento viene utilizzato ogni giorno per circa due settimane e quindi due volte alla settimana per altri tre mesi. Dopo questo ciclo, l’effetto del trattamento viene valutato dal medico. Questo trattamento di solito funziona bene ma i sintomi possono ripresentarsi qualche tempo dopo l’interruzione del trattamento. I cicli ripetuti del trattamento sono spesso necessari. Questi preparati, non dovrebbero essere usati come lubrificanti per il rapporto sessuale ma, devono essere usati i gel lubrificanti appositi.

Nota : le creme estrogene e gli ovuli possono danneggiare i preservativi in lattice e diaframmi. Se si utilizzano questi tipi di contraccezione, allora sarebbe preferibile utilizzare le compresse vaginali o l’anello vaginale.

Gel lubrificante

Se la secchezza vaginale è l’unico problema o le creme ormonali non sono raccomandate a causa di altri problemi medici, i gel lubrificanti possono essere d’aiuto. Ci sono tre tipi di gel che sono disponibili, i quali sono specificamente progettati per aiutare il problema della secchezza vaginale. Essi sostituiscono l’umidità. Sono Replens ®, Sylk ® e Hyalofemme ®. È possibile acquistarli in farmacia.

Nota : la vaselina ® può abbattere il lattice dei preservativi, quindi non è raccomandata per le donne i cui partner usano il preservativo.

I sintomi dovrebbero migliorare dopo circa tre settimane di trattamento. Dovreste vedere il medico se i sintomi non migliorano, siccome a volte questi sintomi possono essere dovuti ad altre condizioni. E’ anche molto importante consultare il medico se avete un sanguinamento della vagina, se si riceve un trattamento ormonale.

Bibliografia

  • Sturdee DW, Panay N; Recommendations for the management of postmenopausal vaginal atrophy. Climacteric. 2010 Dec;13(6):509-22. doi: 10.3109/13697137.2010.522875. Epub 2010 Sep 30.
  • Woods NF; An overview of chronic vaginal atrophy and options for symptom management. Nurs Womens Health. 2012 Dec;16(6):482-93; quiz 494. doi: 10.1111/j.1751-486X.2012.01776.x.