Cancro dell'ano sintomi, cura, cause, terapia, diagnosi e prevenzione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Aiutaci a migliorare SintomiCura votando questo articolo, grazie)
Loading...

Il cancro anale è una forma rara di cancro che colpisce l’ano. L’ano è la porzione terminale dell’intestino crasso, che si apre per consentire ai rifiuti solidi di uscire dal corpo. Altre parti dell’ intestino crasso includono il colon e del retto.

Demografia del cancro dell’ano

A circa 5.000 americani è stato diagnosticato un tumore al colon nel 2009, e si stima che 700 persone sono morte a causa di questa malattia nel corso di questo stesso intervallo, secondo l’American Cancer Society. Il cancro anale è piuttosto raro: esso costituisce solo l’1% al 2% dei tumori che interessano il sistema digestivo.

Questo tipo di tumore è diagnosticato molto meno frequentemente rispetto ai tumori del colon e del retto. La malattia colpisce le donne più spesso degli uomini. L’età media al momento della diagnosi per la maggior parte dei tumori anali è di 60 anni di età.

Definizione del cancro dell’ano

Diversi tipi di cancro possono svilupparsi in diverse parti dell’ ano. A volte i cambiamenti anomali dell’ ano sono innocui nelle fasi iniziali, ma può in seguito svilupparsi in cancro. Alcune verruche anali, per esempio, contengono aree precancerose e possono evolvere in cancro.

Tipi di cancro anale sono:

  •  Carcinomi a cellule squamose. La maggior parte dei tumori anali diagnosticati negli Stati Uniti sono carcinomi a cellule squamose, che derivano dalle cellule che rivestono il margine anale e il canale anale. Il margine anale è la parte dell’ ano che è dentro per metà e metà fuori del corpo e il canale anale è la parte del ano che è all’interno del corpo. La prima forma di carcinoma a cellule squamose è nota come carcinoma in situ, o malattia di Bowen.
  •  Cloacogenic carcinomi. Spesso indicato come una sottoclasse del carcinoma a cellule squamose dell’ano, questo tumore si sviluppa nella zona di transizione, o cloaca, che è un anello di tessuto tra il canale anale e il retto.
  •  Adenocarcinomi. Una piccola percentuale di tumori anali sono classificati come adenocarcinomi, che influiscono sulle ghiandole nella zona anale.
  •  Carcinoma a cellule basali o maligno melanoma. Una piccola percentuale di tumori anali sono o carcinomi a cellule basali o melanomi maligni, due tipi di cancro della pelle.

I melanomi maligni, che si sviluppano dalle cellule che producono il pigmento bruno chiamato melanina, sono molto più comuni sulle zone del corpo esposte al sole. Altri due tipi molto rari di tumori anali sono il Morbo di Paget (non è la stessa come malattia di Paget osseo) e i tumori stromali gastrointestinali.

Fattori di rischio

La maggior parte dei casi di carcinoma a cellule squamose dell’ ano sembra essere legato alle infezioni dell’uomo da parte del papilloma virus (HPV). Questo stesso virus provoca la maggior parte dei casi di cancro del collo dell’utero. Pertanto, alle donne che viene diagnosticato un cancro del collo dell’utero sono considerate essere ad alto rischio per lo sviluppo del cancro anale. HPV può essere trasmesso durante un rapporto sessuale vaginale, anale ed orale.

Il sottotipo di HPV che causa con più probabilità il cancro anale è il HPV-16. I sottotipi di HPV 6 e HPV, HPV-11 causano la maggior parte dei casi di condilomi genitali e anali. Individui infettati con il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) sono anche a maggior rischio per lo sviluppo del cancro anale. Una storia sessuale con partner multipli aumenta il rischio per l’HIV e HPV e aumenta anche il rischio per lo sviluppo del cancro anale.

I fumatori sono a più alto rischio, come lo sono gli individui con un sistema immunitario indebolito, come ad esempio il trapianto di pazienti in trattamento con farmaci immunosoppressori.

Sintomi del cancro dell’ano

Essi comprendono dolore, prurito e sanguinamento, costante movimento delle viscere, cambiamento delle abitudini intestinali, cambio del diametro dello sgabello, scarico dall’ano e linfonodi gonfi nella zona anale o nell’inguine.

Cause del cancro dell’ano

L’esatta causa della maggior parte dei tipi di cancro anale è sconosciuta. I sintomi del cancro anale sono simili a quelli trovati in altre condizioni innocue.

Diagnosi del cancro dell’ano

Il cancro anale è talvolta diagnosticato in modo coerente dai medici o da procedure come la rimozione delle emorroidi. Inoltre può essere diagnosticato costantemente con un esame digitale rettale (DRE). Il medico inserisce con un guanto, il dito lubrificato nel retto per sentire se ci sono crescite anomale. Esami digito rettali sono in genere fatti per verificare la presenza del cancro alla prostata e a volte fanno parte della routine di esami pelvici nelle donne.

I test di radiologica utilizzati per favorire la diagnosi includono raggi x , tomografia computerizzata (TC), risonanza magnetica per immagini (MRI) e le prove di emissione di positroni(PET).

Altre procedure di diagnosi per il cancro anale includono: anoscopia, che è una procedura che comporta l’uso di un dispositivo speciale per esaminare il retto. Rettoscopia. Procedura che usa una piccola torcia per vedere il canale anale, e l’ecografia transrettale, che utilizza le onde sonore per creare un’immagine del retto e dei tessuti vicini. Biopsia. Un campione molto piccolo della crescita viene rimosso e esaminato al microscopio per le cellule tumorali.

Terapia e cura del cancro dell’ano

Il cancro anale è trattato utilizzando tre metodi, utilizzati sia individualmente o insieme: chirurgia, radioterapia terapia e chemioterapia. Una locale resezione, se il tumore è piccolo e non è diffuso, può rimuove il tumore e la zona di tessuto attorno al tumore.

In tutti i procedimenti in cui l’ano e il retto inferiore sono rimossi, viene creata un’apertura chiamata “colostomia” che viene creata per far si che i rifiuti del corpo possano uscire. Questa procedura è abbastanza fuori del comune ma le radiazioni e la chemioterapia sono altrettanto efficaci. La resezione AP può essere utilizzata, tuttavia, se la radiazione e la chemioterapia non sono efficaci e il cancro il cancro

La chemioterapia del cancro lotte uso di droghe, tutti which può essere consegnato da pillola o un ago. Alcuni tipi di chemioterapia uccidono le cellule tumorali direttamente, mentre altri agiscono indirettamente rendendo le cellule tumorali più vulnerabili alle radiazioni. I principali farmaci utilizzati per il trattamento del cancro anale sono 5-fluorouracile (5-FU) mitomicina o 5-FU e cisplatino.

Gli effetti collaterali della chemioterapia, provocano il danneggiamento delle cellule normali e in aggiunta al cancro , si può accusare nausea e vomito, perdita di capelli, perdita di appetito, diarrea, ulcere della bocca, affaticamento, mancanza di respiro e un sistema immunitario indebolito.

Prognosi del cancro dell’ano

Il cancro anale è spesso curabile. Le probabilità di guarigione dipende dallo stadio della malattia al momento della diagnosi e la salute generale del paziente.
Il tasso di sopravvivenza complessivo è di cinque anni. Per il cancro anale il tasso di guarigione è del 60% negli uomini e 78% nelle donne.

Prevenzione del cancro dell’ano

Ridurre i rischi di trasmissione sessuale delle malattie HPV e HIV riduce anche il rischio del cancro anale . I risultati di recenti ricerche indicano che la nascita di ben l’80% dei tumori anali potrebbe essere impedita dalla vaccinazione contro i sottotipi di HPV 16 e 18. Inoltre, smettere di fumare riduce il rischio del cancro anale. Negli adulti considerati a basso rischio di contrarre il cancro anale viene consigliato lo screening così come per gli esami del cancro del colon, cancro alla prostata e gli esami pelvici costantemente per le donne sono raccomandati perchè possono portare ad una diagnosi precoce del tumore anale.

Risorse

PERIODICI
Chiao, E.Y., et al. ‘‘A Population-Based Analysis of Temporal Trends in the Incidence of Squamous Anal
Cancer in Relation to the HIV Epidemic.’’ Journal of Acquired Immune Deficiency Syndromes 40 (2005): 451-5.
Daling, J.R., et al. ‘‘Human Papilloma Virus, Smoking, and Sexual Practices in the Etiology of Anal Cancer.’’ Cancer 101 (2004): 270-280.

Abbas, A., Yang, G., Fakih, M. ‘‘Management of Anal Cancer in 2010: Overview, Screening, and Diagnosis.’’ Oncology 24 (April 12, 2010). http://www.cancernet work.com/gastrointestinal-cancer/content/article/10165/1553005 accessed June 12,2010.
ORGANIZZAZIONI
American Cancer Society, http://www.cancer.org.
American College of Gastroenterology,http://www.acg.gi.org.
American Gastroenterological Association, http://www.gastro.org.
American Society of Colon and Rectal Surgeons, http://www.fascrs.org.
National Cancer Institute (National Institutes of Health), NCI Office of Communications and Education, Public Inquiries Office, http://www.cancer.gov.
United Ostomy Association of America, http://www.uoaa.org.